Compagnia Teatrale "No, Grazie!"


Vai ai contenuti

Amore e Mito

Compagnia Teatrale "No, Grazie!" - ASsociazione culturale CApannese ASCA - Associazione Culturale " Palestra Nuovo Cinema"
Con il patrocinio del Comune di Montopoli Val d’Arno (Pi)

PRESENTANO:
“AMORE & MITO”
Breve viaggio nella mitologia amorosa

Sabato 27 e Domenica 28 Marzo 2010 - ore 21:15
CINEMA TEATRO NUOVO
Capanne-Montopoli Val D’arno (Pi)

Con:
Marco Benvenuti, Massimo Cheli, Silvia Zaccagnini, Elena Guidi, Elisabetta Nesti, Katia Banti, Maria Bardini, Irene Barsotti, Serena Carmignani, Enza Lambiase.

Ideazione e regia: Dean David Rosselli

Note di regia:

“Amore & Mito” è per metà Cultura, per l’altra Arte, ma nel complesso è un semplice saggio-spettacolo conclusivo del laboratorio teatrale per principianti iniziato ad Ottobre 2009 sotto la direzione del regista Dean David Rosselli. L’idea che soggiace al progetto è legata al fatto che, sebbene le persone continuino ad incontrare, citare e rammentare la “mitologia classica” nei più disparati ambiti sociali, la realtà è che di mitologia classica si hanno frequentemente soltanto reminiscenze, dati mancanti o versioni discordanti, errate o simulate conoscenze, un vago sapore di tempi lontani che sembrano non riguardarci. Per questo, l’Arte, e nella fattispecie il Teatro, si prende la briga di iniziare laddove la realtà conclude i propri limiti. La struttura dell’evento scenico consiste, essenzialmente, nel raccontare al pubblico 7 miti, 7 coppie mitiche accomunate dal sempiterno Amore. Questa malattia chiamata “Amore” è appunto il filo rosso che traccia la trama di un progetto in cui gli attori si cimentano sia nella
Narrazione in prima persona dei suddetti 7 miti, sia nell’Interpretazione di certe parti degli stessi. Il pubblico dovrà aspettarsi, nell’entrare in sala, che questi generosi e coraggiosi attori “principianti”, trasmettano loro parte di ciò che ha occupato la loro sensibilità negli ultimi mesi, qualcosa su cui hanno spesso faticato, ma anche qualcosa che hanno studiato, elaborato e coltivato con cura, dandogli attenzione e importanza non dovuta ma sentita. Queste due serate di teatro spensierato (ma non troppo) servono a dire tali cose ad un pubblico, o al Mondo. Cose semplici, basiche, primordiali, che tutti sanno o, forse, tutti ignorano. Cose tipo:“Bisogna vivere tutto ciò che è Vita, amore compreso, e ciò che non lo è...lasciarlo lì”.

Cerca

Torna ai contenuti | Torna al menu